(i) Per navigare su AutoElettrica101, è consigliato disabilitare gli adblocker (perchè?)







Login LoginIscriviti a AutoElettrica101!


Tesla Model Y vista dal vivo


  1. AutoElettrica101
  2. »
  3. Articoli
  4. »
  5. Tesla Model Y vista dal vivo
Pubblicato da Juza (Redazione AutoElettrica101) il 27 Settembre 2021


La Tesla Model Y è il quarto modello Tesla attualmente in produzione: l'arrivo in Europa era previsto con l'inaugurazione della gigafactory di Berlino, ma Tesla ha scelto di anticipare i tempi importando la Model Y dalla Cina e questo mese (settembre 2021) sono iniziate le consegne in Italia. Questo weekend ho avuto la fortuna di incontrare un paio dei primi possessori di Model Y in Italia e dare un'occhiata dal vivo a questa vettura!

Tesla Model Y vista dal vivo


Look da SUV coupè e spaziosità

Al momento della presentazione della Model Y, nel 2019, le prime foto mi avevano dato l'impressione di un'auto abbastanza "sgraziata", ma mi sono dovuto ricredere. Di persona ricorda le linee di SUV coupè come la BMW X6: decisamente molto più bella che in foto.

In termini di lunghezza e larghezza è molto simile alla Model 3, ma è ben 20 centimetri più alta, il che contribuisce a farla sembrare molto più grande. Le linee, soprattutto nella parte posteriore, sono molto più sportive e piacevoli rispetto all'altro SUV di Tesla, la Model X. Non ha però le spettacolari portiere ad ali di gabbiano di quest'ultima; d'altra parte era inevitabile che Tesla semplificasse un po' il design per abbattere i costi.

Tesla Model Y, vista laterale

Non mi soffermerò sugli interni perchè sono pressoché identici alla Model 3: ultra-minimalisti, con un enorme schermo da 15" da cui regolare quasi tutte le impostazioni della vettura. Nel tunnel centrale troviamo un ampio portaoggetti, prese USB-C anteriori e posteriori (con 27W di potenza, in grado di caricare velocemente smartphone e tablet) e un doppio caricatore wireless per smartphone.

Mentre la dotazione tecnologica è uguale alla Model 3, la spaziosità in verticale è ben diversa, specialmente sui sedili posteriori. In alcuni paesi Tesla propone addirittura una versione a 7 posti della Y, tuttavia gli ultimi due sedili sono adatti solo a bambini; penso che la configurazione a 5 posti venduta in Europa sia la più bilanciata.

L'enorme lastra di vetro che costituisce il tetto rende l'auto eccezionalmente luminosa, senza però che il sole diventi un fastidio.

Il bagagliaio è enorme - lungo come quello della Model 3, ma molto più profondo. L'apertura del portellone posteriore dà immediatamente accesso all'intero bagagliaio, un vantaggio notevole rispetto a quello della Model 3 che ha un'apertura più piccola e "cavernosa". Per chi utilizza l'auto come mini-camper (cosa sorprendentemente popolare tra i proprietari Tesla, al punto che esiste un'apposita modalità Camp nel software), la maggiore spaziosità della Model Y, unita al più pratico accesso al baule, rende l'auto notevolmente più comoda; abbassando i sedili posteriori si ha un vero "letto matrimoniale" con uno spazio in altezza enormemente superiore alla Model 3.

Tesla Model Y, bagagliaio

Tesla Model Y, apertura bagagliaio

Il mio amico Gianfranco Pizzuto osserva il bagagliaio della Model Y.


L'apertura e la chiusura del bagagliaio sono completamente motorizzate, cosa che di recente è stata introdotta anche sulla Model 3 (ma che non era presente sulle prime vetture prodotte).

Tra le altre caratteristiche salienti, la Model Y monta nuovi cerchi con un design particolarmente aerodinamico (realizzato tramite una "cover" in plastica). Anche questi, dal vivo, sono decisamente più gradevoli di quanto ci si possa aspettare; stando a Tesla danno un notevole contributo alla riduzione dei consumi, e di conseguenza all'aumento dell'autonomia.

Tesla Model Y, cerchi


Powertrain, prestazioni e autonomia

In origine Elon Musk aveva dichiarato che le Model Y europee sarebbero state tutte prodotte a Berlino e avrebbero utilizzato le nuovissime batterie 4680 e il battery pack strutturale. Lo sviluppo e la produzione delle 4680 è però in ritardo di almeno un anno, così Tesla ha scelto di importare in Europa le Model Y cinesi, sostanzialmente identiche a quelle americane: utilizzano ancora il tradizionale battery pack con celle 2170 e con una capacità netta di 75kWh o 82kWh (il battery pack da 75kWh dovrebbe presto essere sostituito completamente da quello da 82kWh, come già avvenuto sulla Model 3).

I motori sono esattamente gli stessi della Model 3: un singolo motore posteriore nella versione Standard Range Plus (non in vendita in Italia) o due motori nelle versioni Long Range e Performance. Attualmente (settembre 2021) la LR è l'unica versione di cui sono già iniziate le consegne nel nostro paese.

Tesla Model Y e Model 3

La Tesla Model Y e la mia Model 3 fianco a fianco


In termini di prestazioni, avendo gli stessi powertrain della Model 3, quest'ultima è inevitabilmente migliore: la 3 è più leggera e aerodinamica della Y, e quindi ha ha un certo vantaggio in termini di autonomia (614km WLTP contro i 507km della Model Y, entrambe in versione Long Range) e di prestazioni: la Model 3 LR raggiunge i 100km/h in 4.4 secondi (o addirittura 3.9s con acceleration boost), mentre la Model Y impiega 5.0 secondi. Del tutto identica invece la velocità di ricarica; entrambe supportano ricarica a 250kW, ovviamente via CCS.

La Model 3 è più bassa e sportiva, mentre la Model Y è più "muscolare" e pratica: il SUV Tesla offre una spaziosità eccezionale. L'altezza da terra non è enorme (17 centimetri) ma è comunque un po' maggiore rispetto ai 14 centimetri della Model 3, il che rende più facile affrontare strade dissestate o sterrati, pur non arrivando mai ai livelli di un vero SUV offroad.

Prezzo e concorrenti

Rimanendo in casa Tesla, l'unica vera concorrente è la Model 3, dato che la Model X è in una fascia di prezzo totalmente diversa - una X costa quasi il doppio di una Y. La Model 3 LR costa 55000 euro contro i 61000 euro della Model Y LR; in alternativa allo stesso prezzo, 61000 euro, è possibile prendere una Model 3 Performance, con prestazioni nettamente superiori alla Y. Tuttavia, se non siete alla ricerca della massima accelerazione, anche lo 0-100 in 5.0s della Y è decisamente scattante, e quest'ultima ha i vantaggi tipici dei SUV che abbiamo già citato.

Le concorrenti, nella categoria SUV, sono numerosissime e sempre più agguerrite (e questo è il motivo che ha spinto Tesla ad anticipare l'arrivo della Y, importandola dalla Cina). Audi Q4, BMW iX3, Kia EV6, Hyundai Ioniq 5, Volkswagen ID.4, Skoda Enyaq, Ford Mustang Mach-E (solo per citarne alcune) offrono caratteristiche simili alla Model Y, anche se questa rimane uno dei modelli più competitivi in termini di velocità di ricarica e accelerazione.

Quello che è probabilmente il più grande vantaggio di Tesla è la rete Supercharger, attualmente senza pari: la concorrente Ionity ha ancora molta strada da fare prima di poter raggiungere la diffusione e la praticità dei Supercharger Tesla.

Conclusione

Nel complesso, la Model Y mi ha fatto davvero un'ottima impressione, molto migliore di quanto mi aspettassi. Quale scegliere, tra Y e 3, dipende esclusivamente da preferenze personali: quello che è certo è che entrambe sono auto eccellenti, come da tradizione Tesla.

Tesla Model Y, retro





Hai domande, dubbi o curiosità su questo articolo? Chiedi sul Forum AutoElettrica101!





 ^

AutoElettrica101 contiene link affiliati Amazon ed Ebay e riceve un compenso in caso di acquisto attraverso link affiliati.

Versione per Smartphone - Termini di utilizzo e Privacy - Preferenze Cookie - P. IVA 01501900334 - REA 167997 - PEC juzaphoto@pec.it

www.AutoElettrica101.it © Juza - juza.ea@gmail.com